HAVOK & WOLVERINE di Simonson

**CLICCA SU -havok & wolverine- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

HAVOK & WOLVERINE di Walter Simonson e Louise Simonson, matite di Jon J. Muth e Kent Williams.
_
_
_
*ATTENZIONE: se sei debole di cuore, minorenne o un/a ragazzo/a a cui piacciono da morir i super, NON ANDARE OLTRE!
Esistono fumetti che rimangono memorizzati in testa e che dopo tanti anni non vanno via nemmeno se decidi di resettare la memoria, poi ci sono fumetti dove ricordi la metà delle cose, ed in fine ti ritrovi quei fumetti di cui non ricordi nulla se non il 10% delle cose.. bene, Havok & Wolverine nella mia memoria è veramente qualcosa di offuscato, ricordavo soltanto dei disegni stupendi e poi anche.. NO!

nient’altro, stop! Questa che vedete è l’edizione Play Press del 1990, non sapevo nemmeno che fosse uscita recentemente una nuova ristampa grande formato da 30 sacchi.. comunque, apro il primo albo e me lo godo, disegni, tavole e tutto il comparto grafico è potentissimo, quasi a passo coi tempi, ma dal secondo volume la lettura diventa pesante, facendomi faticare nell’andare avanti, in effetti non mi capitava da molto tempo ( anche perché sto leggendo pochissimo in questo periodo ) e giuro che per leggere così poche pagine ho sofferto le pene dell’inferno. La storia/trama potrebbe anche andare bene, le solite minchiate da super, ma i dialoghi sono delle violentissime martellate nei coglioni.. ad ogni movimento di un personaggio – che sia Logan o Alex, ma pure quelli dei cattivoni – equivale come minimo una coppia di nuvolette dove il protagonista dell’azione spiega quello che sta facendo o cosa pensa! Insomma, se non fosse stato per l’arte e per il modo in cui i due disegnatori hanno lavorato sulle tavole, questi volumetti avrebbero fatto la fine che meritano, ovvero esser gettati con soddisfazione nel cassonetto della differenziata con su scritto: CARTA!

di Luca Amato

 

RUBENS di Pablo Cammello

**CLICCA SU -rubens- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

RUBENS di Pablo Cammello l’ho riletto oggi a distanza di mesi dall’uscita ufficiale e mi è piaciuto anche più della prima volta. C’è che Rubens è una storia di loop allucinanti, vite vissute e rivissute dal protagonista, una continua ricerca di un qualcosa che forse non si farà mai trovare, un inseguire il mistero e superare ostacoli per capire il senso della vita.. un po’ tutto quello che cerchiamo noi esseri senzienti, o no? e Rubens a modo suo ci prova, è determinato anche se quando il viaggio incomincia non ha la più pallida idea di quanto il suo cammino sarà difficoltoso, ma non sa nemmeno per cosa sta partendo. Rubens è uno sballato, la sua avventura è dettata dalle visioni, conseguenza della droga? Ciò che vive, è un livello mistico superiore al nostro piano evolutivo? Un insieme di entrambe le cose? Non lo so.. so soltanto che in Rubens ho trovato una buona narrazione, una trama accattivante, dei feat ( AKAB e SPUGNA ) epici e anche delle sorprese riguardanti la storia e origini di altri personaggi del nostro Cammello che mi hanno estasiato. —
*messaggio alla nozione:
“Lettori, mi rivolgessi a voi: se non lo avessivo letto, leggiatelo, davvero, sarebbi brutto non usufruire di tale fumetta. ( firmato Plutarco )”

di Luca Amato

TERATOID HEIGHTS di Mat Brinkman

**CLICCA SU -teratoid heights- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

 

In TERATOID HEIGHTS non è Mat Brinkman a narrare l’anima di queste storie, ma è lo stesso fumetto a sfruttare la matita di Brinkman per farsi raccontare; all’interno del volume abbiamo a disposizione 11 racconti ed un inedito pronti a metterci a nostro agio con l’autore – vi consiglio di iniziare con questo e poi passare a Multiforce -. TH è un fumetto semplice, scorrevole con dialoghi quasi inesistenti, un mix di aneddoti fantasiosi straordinariamente illustrati dal fumettista e d’impatto per chi non ha mai avuto a che fare con il suo inconfondibile stile; nel disegnare ciò che accade, Mat è immediato sin da subito, ma anche se in alcune storie lo scorrere degli avvenimenti non ha lo stesso risultato, alla fine una seconda rilettura alleggerisce il carico sulle nostre menti. Non sta a me giudicare la bravura e la tecnica come “fumettista” di Mat Brinkman, ma se una piccola casa editrice come la Hollow Press riesce a portare in Italia e pubblicare le opere di un autore così fuori dal comune, così bizzarro, ogni fumettista di qualsiasi genere credo abbia la giusta spinta e la possibilità di farsi notare da un pubblico più grande, e questo non può che essere un bene sia per gli addetti ai lavori ma anche per gli stessi lettori!

di Luca Amato

HORUS di Marco Taddei e Simone Angelini

**CLICCA SU -horus- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

Edito da Coconino PressHorus, comprimario in ANUBI del protagonista Dio Sciacallo – appunto: Anubi – è diventato grande, e questa volta toccherà a lui prendersi la scena; il Dio Falco – appunto: Horus – è il protagonista in HORUS! Questa confusione che avete provato qui sopra è molto probabilmente la stessa, che il povero Falchetto deve affrontare lungo questo suo nuovo cammino, una sfida ardua che vive costantemente tra tranquillanti, spade e walkman anni ‘90 nelle orecchie; credo sia proprio il ruolo da protagonista a non farlo stare sereno, ma in ogni caso è sempre lo stesso falco che abbiamo visto in Anubi, insicuro ed ansioso da far paura. Horus vuole tornare nel suo Egitto, ricorda i tempi andati, quelli da Dio adorato e coccolato, è nostalgico e cerca questa strada – ormai più simile ad un miraggio che realtà – nei posti più errati, guidato sempre dal suo walkman e dalla sua coscienza; Horus non molla facilmente e riesce finalmente a sintonizzarsi con la voce-guida di Luxor, che lo aiuta a trovare il percorso ed il piano “astrale” più sicuro. La via che gli si pone di fronte è ricca d’azione, con l’uso di spade e spadoni Horus si fa strada senza pietà tra le pagine del fumetto, e annientando le sue paure e le sue ansie riesce ad uscire da quel tunnel buio in cui si è cacciato, tornando poi in superficie a fare i conti nuovamente con una realtà che gli confonde le idee; è sicuramente arrivato al limite, le batterie sono scariche, la coscienza continua a destabilizzarlo e a questo punto decide di prendersi una vacanza e ricaricarsi. Horus è definibile spin-off di Anubi soltanto per il numero di pagine minori, ma ha tutte le carte in regola per essere un fumetto “fatto” e finito; come per Anubi sono certo anche lui avrà lunga vita. Taddei e Angelini tirano a Campari tutt’oggi, stanno bene e in Horus il loro lavoro si riceve forte e chiaro!

di Luca Amato

AMORE DI LONTANO di Martoz

**CLICCA SU -amore di lontano- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

Edito da Canicola

La prima volta con Martoz è simile alla vera prima volta con la donna dei tuoi sogni, quella donna tanta desiderata e che come per magia è divenuta tua; il paragone è perfetto e in simbiosi con gran parte del fumetto, un racconto che sicuramente ha molto da dire concettualmente parlando. Iniziando la lettura è impossibile non far caso all’eleganza con cui l’autore scrive, un’eleganza che ritroviamo anche nelle scene di sesso più forti, dove Martoz carica di un’erotismo spropositato, elegante e mai ridicolo, quell’atto primitivo che mette l’uomo sullo stesso livello degli animali, lasciando da parte ovviamente il sentimento. I protagonisti sono Antares e Jaf, due uomini che vivono in periodi storici differenti, uno nel XII secolo e l’altro in quello che dovrebbe essere il presente o comunque un periodo molto vicino al nostro, ma la particolarità su cui è basata la trama, e su cui l’autore può mettersi in mostra è la forza che spinge entrambi alle proprie azioni.. questa forza ha la forma di una donna, che fa vivere i due in uno stato onirico molto simile! Nemmeno il tempo di iniziare il fumetto e ti ritrovi nell’ultima pagina col sorriso sulla bocca, questo accade perché Amore di Lontano attrae sempre più al suo interno – anche nel senso profondo del significato – il lettore, che si lascia trasportare dall’anatomia surreale ed unica con cui l’autore narra questa storia, ma allo stesso modo è altrettanto particolare la scrittura, la quale va a braccetto con la parte illustrata del fumetto. Le donne rappresentate sovrastano per grandezza e potenza gli uomini, come a sottolineare l’aurea divina da cui sono avvolte, rendendole quasi irraggiungibili; le matite di Martoz sono uniche e per quanto queste siano lontane dall’anatomia canonica e reale dei corpi, architettura, oggetti ecc, riescono comunque a rendere sensuali e forti le scene erotiche dei protagonisti, e allo stesso tempo sono altrettanto potenti le espressività raffigurare sui visi di ogni personaggio all’interno del fumetto.
Amore di Lontano è un fumetto erotico narrato da Martoz con un’eleganza inaudita!

di Luca Amato

LE INCREDIBILI AVVENTURE DI BRODOWSKY: In Fuga dallo Show Business. di Marco Galli –

**CLICCA SU -liadb- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

Edito da Progetto Stigma e Eris Edizioni

Un musicista ormai in rovina, un contratto in scadenza e un conto alla rovescia di una settimana prima di fuggire dallo show business; un 40 pagine gestite dall’autore in modo eccellente, uno storytelling ed una trama ammaliante che ti attirano sempre più all’interno del fumetto come la forza di gravità di un buco nero. Apri l’albo e Brodowsky si presenta a te lettore, mostrandoti l’incipit della trama su cui si baserà il racconto; a portare il cantante faccia a faccia con il suo manager è Perfect Kelly, ormai stanca dei tantissimi viaggi in giro per l’universo.. arrivati sul pianeta, Brod. ha il tempo di pensare ai vecchi tempi, alle possibili opportunità future e a quanto faccia schifo il pianeta su cui è atterrato! Un ultimo show per tirare su qualche soldo, l’esibizione finale che chiuderà per sempre la carriera di Brodowsky; una settimana per prepararsi all’evento, un conto alla rovescia narrato da Galli con una pagina per giorno in modo esaustivo. Con una particolare somiglianza a Ziggy Stardust, l’autore fa esibire Brod. nel suo ultimo spettacolo, ed è proprio al termine del concerto che inizia la sua fuga.. da qui abbiamo ancora metà fumetto a disposizione, tutto si fa più movimentato con colpi di scena che non mancheranno durante la fuga. Marco Galli non vuole farti affezionare al protagonista, non vuole emozionarti, ma ti racconta una storia originale, e con una certa distanza i ruoli del narratore e dell’ascoltatore si uniscono in un punto ben preciso: l’intrattenimento. Questo credo che sia un esempio di come una buona storia debba essere costruita, non per forza un fumetto/libro ( o quello che volete ) deve suscitare emozioni in chi osserva, infatti se strutturata come si deve tutto quello che basta è l’intrattenimento. Un fumetto breve, di qualità, scritto con la passione per questo genere, l’ennesima prova di stile di questo autore.

di Luca Amato

NECTAR di Davide Bart. Salvemini

**CLICCA SU -nectar- PER LEGGERE LA RECENSIONE SU INSTAGRAM.

*SEGUIMI SUL PROFILO INSTAGRAM comics.country

 

Edito da Sciame Press

Con un breve flashback di un atterraggio d’emergenza andato a buon fine su un pianeta sconosciuto, il protagonista ci narra quel poco che riesce a ricordare mostrandoci la sua intensa avventura, che potrebbe essere durata un paio d’ore o addirittura tantissimi anni; il corriere spaziale è attratto e allo stesso tempo terrorizzato dagli abitanti ( e non solo ) del pianeta, infatti dopo lo schianto inizia la sua corsa alla sopravvivenza / esplorazione.. sta a noi lettori giudicare una volta arrivati al finale! Sicuramente un ottimo fumetto da tutti i punti di vista, narrativamente l’autore crea una trama classica per questo sci-fi made in Italy, mentre le illustrazioni non fanno altro che riportarci alla mente Jesse Jacobs e DeForge, ma ciò non toglie il piacere di scoprire e magari anche appassionarsi a questo stile, reso in fin dei conti molto personale, appunto riconoscibile all’istante! Il fumetto scorre e tra tavole e tunnel diagonalmente labirintici la parte visiva sovrasta quella narrativa, merito della scelta accurata dei colori; il fatto che la grafica prevalga sulla narrazione non è difetto, proprio perché stiamo parlando di un classico visto e rivisto in mille salse! Fate comunque attenzione al prossimo corriere che si presenterà a casa vostra in tuta iperbarica!

di Luca Amato